Conosci la nuova viabilità che la Giunta Lonati sta per approvare?

Il Piano della viabilità (Piano Generale del Traffico Urbano o PGTU) è un atto previsto come NON obbligatorio dal Codice della Strada per un Comune con popolazione inferiore a 30.000 abitanti come Bareggio. Il Piano avrebbe lo scopo di ... LEGGI >>

La parola ai cittadini per gli interventi tra Via Torino e Morandi, Piazza Cavour, Via Madonna Pellegrina e Scuola di San Martino.

Le opere pubbliche programmate dalla Giunta Lonati per l’ultimo scorcio della legislatura impiegano più di mezzo milione di euro dei cittadini solo per l’anno 2018, più di quanto la Giunta sia riuscita a spendere in tutta la legislatura stessa ... LEGGI >>

Villa Arcadia: dopo anni di “buio” la Giunta Lonati sa dire solo NO senza dare prospettive future!

Dopo 9 mesi dalla proposta del gestore della Residenza Sanitaria per Anziani (R.S.A) Villa Arcadia, la Cooperativa Anziani ’93, arriva la decisione della maggioranza che sostiene il Sindaco Lonati di respingere ... LEGGI >>

Piano opere pubbliche 2018: quali idee per la piazza?

Nel Piano delle Opere Pubbliche 2018-2020 approvato di recente dalla Giunta Lonati sono previsti lavori di manutenzione straordinaria di piazza Cavour, per agevolare i percorsi pedonali. In particolare ... LEGGI >>

Tariffa rifiuti: riscossore comunale cancellato dall’albo. Cosa succederà?

Il Ministero delle Finanze ha di recente cancellato la Duomo GPA S.r.l. dall’albo dei riscossori di tributi ed entrate comunali. A Bareggio la società è incaricata dal Comune dell’accertamento e riscossione della tariffa rifiuti (TARI), anche coattiva, nonché della gestione .... LEGGI >>

Tariffa rifiuti: a proposito di controlli e sanzioni ...

Nell’ultimo Consiglio Comunale di fine giugno si è discusso anche dei controlli del Comune sulla tariffa rifiuti (TARI) e ho riferito all’Assessore alle Politiche Finanziarie, Marco Gibillini, le segnalazioni ricevute da qualche imprenditore sull’attività di verifica della società incaricata dal Comune ... LEGGI >>

 

Tariffa rifiuti: riscossore comunale cancellato dall’albo. Cosa succederà?

Il Ministero delle Finanze ha di recente cancellato la Duomo GPA S.r.l. dall’albo dei riscossori di tributi ed entrate comunali.

A Bareggio la società è incaricata dal Comune dell’accertamento e riscossione della tariffa rifiuti (TARI), anche coattiva, nonché della gestione del relativo Sportello. Tuttavia, la società dal momento della cancellazione ministeriale (14 settembre) non può più svolgere nessuna di queste attività; il Comune ha, infatti, sospeso, in data 20 settembre, il servizio pubblico dello Sportello TARI fino a metà ottobre.

Con tutta probabilità, il motivo della cancellazione è il mancato riversamento nelle casse comunali delle entrate che la società riscuoteva per conto di Enti pubblici. La situazione si è verificata anche a Bareggio già dai primi mesi dell’anno scorso, tant’è che il Comune vantava oltre 100.000€ di crediti.

Lo ha affermato sulla stampa locale anche l’Assessore alle Politiche Finanziarie, Marco Gibillini, lo scorso 30 giugno motivando i mancati versamenti della società a carenze di liquidità e indicando che ci si era “attrezzati per entrare presto in possesso di quanto dovuto”.

Quelle della Duomo però non erano semplici carenze di liquidità considerato che il Ministero delle Finanze, prima delle affermazioni dell’Assessore, aveva sospeso la società dall’albo dei riscossori. Inoltre tra luglio e agosto scorsi la stampa riferiva che: la società è indagata per peculato, truffa aggravata e falso in bilancio, i conti bancari aziendali sono sequestrati ed è in corso una procedura di concordato preventivo con riserva che – se non si scioglierà con esito positivo – porterà al fallimento societario.

Tariffa rifiuti: a proposito di controlli e sanzioni …

«Nell’ultimo Consiglio Comunale di fine giugno si è discusso anche dei controlli del Comune sulla tariffa rifiuti (TARI) e ho riferito all’Assessore alle Politiche Finanziarie, Marco Gibillini, le segnalazioni ricevute da qualche imprenditore sull’attività di verifica della società incaricata dal Comune.

Ci sono casi in cui la sanzione emanata è stata ridotta – in un caso oltre a 20.000€ – in seguito alle contestazioni degli interessati. In altre situazioni non c’è corrispondenza tra lo stato di fatto delle aree e i dati catastali usati dalla società per le sanzioni.

Occorre ricordare che la fattura dei rifiuti ci viene spedita a casa compilata dal Comune, tant’è che per la gestione della TARI è prevista una spesa di circa 123.000€, dal 2015 al 2017, per la stessa società incaricata poi dei controlli. Viene, dunque, da chiedersi sulla base di quali dati vengono calcolate le fatture che riceviamo e sulle quali dopo anni vengono fatti i controlli con tanto di mora e interessi.

Se è un dovere – e dunque non una scelta come afferma l’Assessore Marco Gibillini – il controllo dell’Amministrazione Comunale sul corretto versamento delle tariffe, in quanto previsto dalle leggi, la vigilanza deve essere accurata evitando al cittadino di sopportare anche le spese per incaricare un professionista per accertare e contestare le sanzioni.

Area Sapla: salvagente per Lonati ad un anno dalle elezioni?

La recente approvazione definitiva del Piano Attuativo n. 1 (PAR1) porterà due nuove palazzine, con circa 40 nuovi residenti, tra le vie S. Stefano e S. Protaso, a S. Martino.

È il primo atto concreto di politica urbanistica della Giunta Lonati dopo 4 anni di governo. Un atto che disattende il Piano di Governo del Territorio (PGT, ex Piano regolatore) approvato dallo stesso Lonati, e dal PD, nel 2008, poiché il Sindaco ha affermato che non è possibile riqualificare via S. Stefano, così come invece prevede il PGT.

Vale la pena chiarire che la mancata riqualificazione della strada è una scelta della Giunta Lonati e non un’impossibilità, come sostiene il Sindaco, poiché la Giunta non intende espropriare i terreni dei cittadini, indisponibili alla cessione bonaria, per sistemare la strada. Nessuna tempistica è inoltre Stata definita sui tempi di realizzazione delle palazzine e sul conseguente incasso degli oneri da parte del Comune.

«Pare tuttavia – commenta il consigliere comunale della Lista Civica Bareggio 2013, Monica Gibillini – che il PAR1 non sarà l’unico atto di politica urbanistica della Giunta Lonati. Gli uffici comunali sono infatti impegnati a istruire un altro paio di Piani, tra cui quello che riguarda l’area Sapla e, pare, in variante al PGT, che prevede solo parzialmente una destinazione residenziale dell’area, mantenendo su una parte della stessa la destinazione produttiva.

Bareggio torna a festeggiare il 2 giugno

La Festa della Repubblica, trascurata negli ultimi anni dalla Giunta Lonati, torna ad essere ricorrenza civile e soprattutto momento di gratitudine verso associazioni e cittadini.

Per questo, nel 2015 avevo presentato una mozione a nome della Lista Civica Bareggio 2013 per ripristinare il conferimento di onoreficenze civiche il 2 giugno di ogni anno alle associazioni che compiono anniversari di fondazione e a cittadini che si siano distinti nei campi della vita sociale.

La mozione era stata approvata da tutto il Consiglio Comunale nella seduta del 29 luglio 2015.

Commercio: La Giunta Lonati si dia una mossa intervenendo sulla Piazza!

Le dichiarazioni del Vicesindaco Stellardi sul commercio sono sconcertanti, da 7 anni è assessore e ancora deve capire cosa fare… afferma poi che la riqualificazione del centro cittadino dipende dalla cartiera, ma nulla dice su come la pensa riguardo al da farsi.

“Il 31 luglio 2012 – commenta il consigliere comunale della Lista Civica Bareggio 2013 Monica Gibillini – quando portai in Giunta il progetto sull’ex cartiera Stellardi non disse cosa ne pensava, si limitò a dire che occorreva una maggiore condivisione con la maggioranza.

Nel frattempo nulla più si sa nemmeno della causa tra il Comune e il comproprietario privato dell’ex cartiera.

Visto che Stellardi è ancora alla ricerca di idee gli suggeriamo di copiare i progetti della Giunta Gibillini a partire dalla collaborazione con Asscom nel Distretto del Commercio – per sfruttare al meglio le opportunità dei bandi regionali che nel 2009 erogarono contributi ai commercianti per 77.000€ – fino al progetto che c’e’ nel piano delle opere pubbliche 2012 sulla riqualificazione della piazza. Il progetto prevede interventi sui marciapiedi e le nuove pavimentazioni stradali, un nuovo arredo urbano (panchine, cestini, fioriere e verde) e il rifacimento dell’illuminazione per un costo totale di €260.000.  Si tratta di un progetto sollecitato dapprima dai commercianti nel 2014 e poi lo scorso anno dalla lista/comitato Bareggio 2013, ma la Giunta Lonati finora ha risposto no.

Se la Giunta Lonati ha la volontà di migliorare il centro cittadino è ancora in tempo a dare un segnale di fiducia ai cittadini realizzando il progetto.

Rinviare gli interventi sulla piazza – conclude Gibillini – alla soluzione sull’ex cartiera senza indicare modi e tempi è uno specchietto per le allodole, forse un modo per ottenere ancora consenso prima delle elezioni.”