Piano triennale delle opere pubbliche: la Giunta cancella il “Dopo di noi”

Il Piano Triennale delle Opere pubbliche si concentra sulla ristrutturazione con riqualificazione energetica della scuola primaria di S. Martino, unica opera prevista per il 2017. Fino a luglio scorso c’era anche la realizzazione della comunità alloggio per disabili “Dopo di Noi”, ora completamente cancellata ... LEGGI >>

Indirizzi per il nuovo regolamento edilizio? La Giunta li dà a voce!

Il nuovo regolamento edilizio è tra i progetti che la Giunta Lonati avrebbe dovuto realizzare entro l’anno. Di recente sono scaduti i termini dell’avviso dell’indagine esplorativa per individuare i soggetti interessati a ricevere l’incarico di redazione del regolamento edilizio ... LEGGI >>

Contributi per l’amianto: quando si complica la vita ai cittadini

L’introduzione dell’ISEE come requisito necessario per ottenere i contributi per l’erogazione di contributi per l’eliminazione delle coperture in cemento-amianto per edifici residenziali potrebbe disincentivare i cittadini interessati al contributo, poiché li costringe a sottoporsi a un iter burocratico. LEGGI >>

Un’estate senza cantieri sulle strade di Bareggio

I Comuni colgono, come noto, l’occasione delle vacanze dei propri cittadini per intervenire e migliorare i manti stradali, così da arrecare il minor disagio possibile. A Bareggio e S. Martino invece l’estate è trascorsa senza vedere lavori avviati ... LEGGI >>

Bilancio 2016: tasse invariate per legge, non per una scelta della Giunta Lonati!

Il terzo bilancio della Giunta Lonati contiene importanti novità imposte dalla legge di stabilità che abolisce la TASI sulla prima casa e vieta ai Comuni di aumentare le tasse. La previsione legislativa obbliga la maggioranza ... LEGGI >>

 

Il Paese illuminato a led: un progetto del Commissario più che della Giunta Lonati!

Nell’ultimo Consiglio Comunale l’Assessorato ai Servizi di Pubblica Utilita’ ha proposto ai consiglieri la decisione di acquistare gli impianti dell’illuminazione pubblica mediante riscatto per poi individuare il gestore del servizio tramite gara.

Una decisione che a leggere le dichiarazioni rese dall’Assessore Stellardi alla stampa, prima del Consiglio comunale, sembrerebbe essere tutta politica. Si tratta invece di una scelta necessaria in quanto prevista prima da norme di legge nazionali del 2012 e poi regionali.

Non a caso nell’aprile 2013 il Commissario Prefettizio indico’ agli uffici comunali di procedere ad acquisire gli impianti di illuminazione di proprieta’ di Enel Sole.

Subentrata poi la Giunta Lonati bisogna attendere settembre 2016 perche’ qualcosa si “muova” in attuazione delle indicazioni commissariali. A settembre scorso, infatti, la Giunta chiede al competente ufficio comunale di procedere sollecitamente a incaricare un professionista per periziare consistenza e valore degli impianti di illuminazione pubblica per poterli cosi’ acquistare mediante riscatto.

Piano triennale delle opere pubbliche: la Giunta cancella il “Dopo di noi”

Nel Piano Triennale delle Opere pubbliche recentemente approvato dalla Giunta Lonati l’attenzione si concentra esclusivamente sulla ristrutturazione con riqualificazione energetica della scuola primaria di S. Martino, unica opera prevista per l’anno 2017 per 650.000€.

Fino a luglio scorso invece tra le opere pubbliche in programma per l’anno 2017 c’era la realizzazione della comunità alloggio per disabili “Dopo di Noi” per 1.140.000€ finanziati con leasing in costruendo, opera che ora viene completamente cancellata dalla programmazione dopo essere stata tolta dal bilancio comunale.

Indirizzi per il nuovo regolamento edilizio? La Giunta li dà a voce!

Il nuovo regolamento edilizio è tra i progetti che la Giunta Lonati avrebbe dovuto realizzare entro l’anno.

Di recente sono scaduti i termini dell’avviso dell’indagine esplorativa per individuare i soggetti interessati a ricevere l’incarico di redazione del regolamento edilizio per un importo pari a 15.226 €. Quanto alle indicazioni secondo cui il tecnico incaricato dovrà abbozzare il nuovo regolamento, oltre alle dovute vigenti normative nazionali e regionali, nell’avviso si legge solo il Piano di Azione per l’Energia Sostenibile (PAES).

Nell’ultima seduta della Commissione Finanze il Sindaco ha illustrato gli indirizzi che la Giunta ha dato all’ufficio tecnico per la redazione del regolamento: adeguamento alla normativa sul risparmio energetico e sulla sismica, esplicitare le regole per realizzare i sottotetti, nonché per le distanze da tenere tra pareti finestrate di una casa con l’altra, ammissibilità dei bagni ciechi e una serie di indicazioni che la Giunta ha suggerito come intendimenti dell’Amministrazione comunale.

Contributi per l’amianto: quando si complica la vita ai cittadini.

L’introduzione dell’ISEE come requisito necessario per ottenere i contributi per l’erogazione di contributi per l’eliminazione delle coperture in cemento-amianto per edifici residenziali potrebbe disincentivare i cittadini interessati al contributo, poiché li costringe a sottoporsi a un iter burocratico.

Per questo abbiamo presentato un emendamento alla delibera e proposto all’Assessore all’Ambiente,  Ivan Andrucci, la semplificazione della procedura sostituendo l’ISEE col requisito della categoria catastale di appartenenza dell’immobile, così da facilitare anche l’attività di controllo da parte dell’Amministrazione Comunale.

«Con la nostra proposta volevamo evitare – commenta il consigliere comunale della Lista Civica Bareggio 2013 Monica Gibillini il ripetersi di esperienze passate in cui i contributi a bilancio non furono completamente erogati per insufficienza di richieste.

Un’estate senza cantieri sulle strade di Bareggio

I Comuni colgono, come noto, l’occasione delle vacanze dei propri cittadini per intervenire e migliorare i manti stradali, così da arrecare il minor disagio possibile. A Bareggio e S. Martino invece l’estate è trascorsa senza vedere lavori avviati dalla Giunta Lonati per la manutenzione delle strade.

Soltanto il 25 agosto l’Amministrazione comunale ha  individuato la ditta che dovrà occuparsi della manutenzione ordinaria delle strade comunali per lavori pari a 37.000€ al netto dell’IVA. Ben poca cosa se si considera lo stato deteriorato delle strade a partire per esempio dalla centralissima via Manzoni, che nemmeno compare più nel Piano delle opere Pubbliche della Giunta.